Leishmaniosi del cane, attenzione anche in autunno

list Categoria: Leishmaniosi Sopra:

La Leishmaniosi canina è una grave patologia cronica che colpisce più organi e apparati manifestandosi con una serie di...

La Leishmaniosi canina è una grave patologia cronica che colpisce più organi e apparati manifestandosi con una serie di sintomi spesso poco caratteristici e comuni a varie patologie. Più conosciamo nel dettaglio questa malattia più saremo in grado di proteggere i nostri pet per evitare loro di contrarla.

Leishmaniosi: sistema immunitario

Quando un pappatacio infetto punge un cane questo diventa portatore di Leishmania. La puntura però non sempre causa la malattia, come mai? 

Questa variabile è determinata innanzitutto dalla risposta immunitaria del cane. 

Quando avviene la puntura, che può causare un piccolo rigonfiamento con rossore, l’animale con un sistema immunitario forte e sano potrebbe riuscire a combattere efficacemente il parassita, mentre nei soggetti più deboli e con sistema immunitario poco efficiente è molto più facile che il protozoo della Leishmania si diffonda all’interno dell’organismo, raggiungendo linfonodi e organi.

Normalmente la Leishmaniosi è una malattia lenta e difficile da guarire. La cura per la Leishmaniosi è possibile, ed un sistema immunitario ben regolato è in grado di aiutare i nostri amici a 4 zampe ad affrontare il parassita in modo più efficace, riducendo le infezioni che insorgono proprio a causa dell’abbassamento delle difese immunitarie.

Leishmaniosi nel cane: non sottovalutare l’autunno

Solitamente si parla di Leishmaniosi nel periodo primaverile, quando la diffusione del pappatacio portatore della Leishmania comincia ad espandersi. E’ bene però non dimenticare che il periodo della Leishmaniosi inizia certamente in primavera ma prosegue oltre l’estate, avendo il suo ultimo apice in autunno tra settembre, ottobre, ed a volte anche novembre, nel caso si stia parlando di zone particolarmente calde e umide. Inoltre, se fino a qualche anno fa le zone endemiche si potevano considerare limitate soprattutto al sud Italia ed alle zone costiere, con il cambiamento climatico in atto, che ha portato ad un innalzamento della temperatura media, il pappatacio ha avuto modo di diffondere la sua presenza anche in aree del centro e nord Italia che prima si potevano considerare sicure. Per questo è nostro compito proteggere i nostri pet dalla Leishmaniosi anche nel periodo autunnale, garantendo una protezione completa ai nostri amici a 4 zampe.

Leishmaniosi del cane: sintomi e cure

Come ben sappiamo, i sintomi della Leishmaniosi, soprattutto nelle prime fasi, sono molto generici.

Perdita di peso, di appetito, vomito, diarrea, sanguinamento dal naso, ispessimenti della cute del naso e/o dei cuscinetti plantari, dermatite con pelle secca e forfora diffusa, minzione frequente e aumento della sete.

Solitamente il tratto comune dei numerosi sintomi è quello di far apparire il cane più anziano rispetto alla sua età.

Nonostante la difficoltà, si consiglia di porre particolare attenzione all’individuazione dei sintomi per cercare di diagnosticare il prima possibile la malattia.

La diagnosi tempestiva, effettuabile con un semplice test presso il vostro Medico Veterinario di fiducia, è fondamentale per iniziare il giusto trattamento farmacologico e di supporto al sistema immunitario.

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password